mercoledì 10 dicembre 2014

Wonderful Quotes #14 (Obsidian)

Giorno giorno, gente! Finalmente il freddo è arrivato! Ok, preferisco decisamente il caldo, se potessi scegliere opterei per "estate tutto l'anno", ma che clima natalizio sarebbe senza il freddo o la neve?! Da me la neve si vede raramente ma ogni anno continuo a sperare che a fine dicembre almeno qualche fiocco cada.. e a volte il mio desiderio viene esaudito ;D
Per la puntata di Quonderful quotes di oggi vi propongo alcune citazioni divertenti provenienti da "Obsidian", della Armentrout. Libro, tra le cui pagine, mi sono rituffata proprio in questi giorni. (qui potrete trovare la mia recensione).

Scheda libro qui
La mamma era in cucina, caffè in mano. Sentendomi entrare si voltò di scatto, mentre del liquido marrone colava giù dal ripiano. L’aria innocente con cui mi fissò la tradì subito. Recuperai uno strofinaccio e mi avvicinai. «Abita qui accanto, si chiama Dee e l’ho conosciuta mentre ero a fare la spesa» raccontai mentre asciugavo il caffè versato. «Ha un fratello di nome Deamon. Sono gemelli.» «Gemelli? Interessante.» E Dee è stata gentile con te?» Sbuffai. «Sì, mamma, è stata molto gentile.» «Ah, sono proprio contenta. Era ora che uscissi dal guscio.» Non sapevo di averne uno. La mamma soffiò piano sul caffè e ne bevve un sorso, spiandomi da dietro il bordo della tazza. «Vi vedete domani?» «Cosa me lo chiedi a fare? Tanto hai ascoltato tutto.» «Giusto» ribatté facendomi l’occhiolino. «Sono tua madre. E noi mamme facciamo anche questo.» «Cioè, origliare conversazioni?» «Sì, altrimenti come faremo a sapere che cosa succede ai nostri figli?» disse come se non ci fosse niente di male. Alzai lo sguardo e tornai in soggiorno. «Si chiama privacy, mamma.» «Tesoro,» fece lei dalla cucina «la privacy non esiste.»
Con gli occhi di tutti ancora puntati addosso, si sporse ancora di più sul banco e mi disse: «Indovina?». «Cosa?» «Ho dato un’occhiata al tuo blog.» Oh – Madre – Santissima. L’aveva cercato? E, cosa ancora più incredibile, l’aveva trovato!? Era googleabile? Che figata pazzescaaa! «Cos’è, adesso ti metti a spiarmi?» «Nei tuoi sogni, Kitty.» Poi sorrise, compiaciuto. «Ah, dimenticavo, di quelli sono già il protagonista.» «Incubi, Deamon, incubi.»
«Non ci credo, ti sei mangiato tutto il gelato, Deamon!» Misi cautamente il piede in sala da pranzo. Non sarei entrate in cucina neanche morta. «Non l’ho mangiato tutto.» «Allora si è mangiato da solo!» Urlò Dee così forte che mi parve di vedere tremare le assi di legno del soffitto. «Oppure è stato il cucchiaio… anzi no, il contenitore stesso!» «Quel freezer non ce la racconta giusta» scherzo Deamon. Soffocai una risata quando sentii il recipiente del congelatore colpire qualcosa di molto simile a una testa.

6 commenti:

  1. Risposte
    1. Ah...come darti torto?! ;D Non si può =)

      Elimina
  2. Ahahahah, "il blog googleabile" è fantastico XD Devo assolutamente cominciare questa serie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì! Ho riso come una pazza la prima volta che l'ho letto XD Non l'hai ancora iniziata?! Devi rimediare subito allora! =D

      Elimina
  3. Questo libro mi era piaciuto parecchio, si discosta dal genere soprattutto per la simpatia della protagonista secondo me!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Completamente d'accordo! Mi è piaciuta molto Katy, non è una che si fa mettere i piedi in testa e i dialoghi tra lei e Deamon sono troppo divertenti :D

      Elimina