lunedì 24 luglio 2017

What's on my Bedside table? # 58 (Nel profondo della foresta)

È una rubrica ideata da me, in cui, ogni lunedì, vi mostrerò quale libro si trova sul mio comodino.

Buona sera, compagni di letture! Gli ultimi due giorni sono stati ricchi di impegni e grandi emozioni. Ieri ho preso parte ad un mercatino dell'artigianato con mia mamma ed il nostro banchetto, dal quale siamo tornate tardissimo, ma contente (anche se stamani ero ancora cotta come una pera XD), mentre sabato sono andata a Firenze per l'incontro italiano con le mitiche Cassandra Clare & Holly Black. Ho approfittato dell'evento per rivedere alcune care amiche e colleghe blogger, come Denise e Veronica,  e fare qualche giro per la città con loro. Ma, tranquilli, di questa bella esperienza vi parlerò meglio tra qualche giorno in un apposito post J.
Adesso però vi lascio al ritorno della rubrica "What's on my Bedside Table?" e al mio pensiero sul libro che si trova in questo momento sul mio comodino.


Scheda libro QUI
SUL MIO COMODINO C’È... “Nel profondo della foresta” di Holly Black. Libro autoconclusivo uscito in America nel 2015 e portato qui in Italia dalla Mondadori quest’anno, mantenendo anche la bellissima copertina.  

SONO A... pagina 176. La scrittura è così scorrevole e la storia così avvincente che in pochissimo tempo ne ho divorato più di metà senza neanche accorgermene! Si tratta di un romanzo popolato da esseri fatati dalle fattezze più diverse, umani e cavalieri. I due protagonisti, Hazel e Ben, sono due fratelli che vivono in una piccola cittadina immersa nella foresta dove la tipica vita del ventunesimo secolo si fonde inestricabilmente con quella delle leggende e delle storie più oscure raccontate intorno al fuoco. Per gli umani che vivono lì, infatti, la magia e gli esseri incantati della foresta più profonda equivalgono alla normalità e per questo fin da piccoli tutti imparano come proteggersi dai loro dispetti (o peggio) e come convivere con loro.

È SUL MIO COMODINO PERCHÉ... lo avevo messo in wishlist da tempo proprio per la sua trama intrigante e la splendida cover, ma ne avevo rimandato a lungo l’acquisto poiché proprio non riuscivo a decidermi sulla lingua in cui prenderlo. Sabato però, dovendo andare all’incontro con l’autrice, ho colto la palla al balzo e scelto per l’edizione italiana. Curiosissima l’ho iniziato subito sul viaggio di ritorno verso casa.


Avete letto questo libro? Oppure qualcos'altro di questa autrice?
Cosa ne pensate delle sue storia?

venerdì 21 luglio 2017

"Sparkle from Books" riapre i battenti!

Buon pomeriggio, gente!!!
Eh, sì.. non state avendo le allucinazioni! Dopo ben quasi otto mesi di pausa, "Sparkle from Books" è finalmente tornato in attività!
Prima di riuscire a digitare sulla tastiera qualcosa di sensato in occasione della riapertura, sono rimasta a lungo a fissare lo schermo bianco del pc senza avere la più pallida idea di cosa dire e, soprattutto, da dove cominciare a raccontare. Dopo aver raccolto per bene le idee ho deciso di partire da dove ci eravamo lasciati e riallacciarmi a cosa avevo scritto al momento della chiusura.

Dunque, cosa ne è stato di questi mesi di lontananza? Sono serviti a darmi lo spazio necessario per la mia vita "reale" e a chiarirmi le idee su quella "virtuale"? La risposta è: sì. Innanzitutto sono felice di dire che ho terminato tutti gli esami, con grande fatica, sacrifici, ma anche ottimi risultati. Arrivata quasi alla fine dei miei studi, posso dire per esperienza che la stanchezza e la voglia di concludere una volta per tutte con l'università raggiungono livelli epici, quindi non mi pento affatto della mia scelta di aver messo in pausa il blog e sì, anche quella di essermi allontanata completamente dalla blogsfera in generale. Adesso mi sto finalmente dedicando alla tesi specialistica in archeologia, cosa che mi impegna molto ma che adoro fare e mi permette di gestire al meglio il mio tempo. 
Come volevo ho anche ripreso a suonare la chitarra, a tirare con l'arco con più frequenza, a dedicarmi a tantissime altre attività e a stare in compagnia dei miei amici il tutto senza la minima preoccupazione su scadenze letterarie varie o post da scrivere. In questo periodo di lontananza non ho mai smesso di leggere, anzi! Ma non ho scritto neanche una recensioneCome sapete amo il mio angolino e parlare di libri, ma avevo decisamente bisogno di staccare del tutto la spina per un po' e questa pausa mi ha fatto bene.
L'altro motivo che aveva inciso sulla mia scelta di chiudere era l'atmosfera che si era andata a creare, mesi e mesi fa, nel mondo dei lit-blog. Tutti quei piccoli cambiamenti ed oscillazioni che mi avevano portato a non sentire più questo luogo caldo e confortevole come lo era un tempo, quando ho iniziato questa avventura. Non avendoci più messo piede fino ad oggi e controllando pochissimo la pagina fb, non ho idea di come stiano ora le cose. Posso solo sperare che tutto sia tornato sui giusti binari e che chiunque abbia voglia di scambiare consigli, opinioni o semplicemente qualche parola si senta libero di passare di qui e chiacchierare con me :)

Detto ciò, questo nuova riaperturà del blog sarà dunque un vero e proprio "esperimento", un tentativo per vedere se ne vale ancora la pena di portare avanti questo progetto o se ormai si sta avvicinando il momento di archiviare questa fase della mia vita. Sarà un esperimento nel senso che per prima cosa ho intenzione di sondare le acque. Vedere se quel bellissimo luogo ricco di confronto, passione e originalità che conoscevo e amavo un tempo esiste ancora. Soprattutto, però, sarà un esperimento perché ho intenzione di apportare alcune modifiche al mio blog. La prima la potete notare già nell'header che ho realizzato per la grafica nuova, in cui stavolta ho inserito anche altre delle mie passioni oltre alla sola lettura. Ho poi deciso di rivoluzionare le rubriche: alcune le ho sospese, mentre ho intenzione di inserire una o due nuove un po' insolite, una delle quali non avrà niente a che fare con il mondo dei libri. Tutte avranno cadenza casuale, mensile o stagionale. L'unica che pubblicherò  settimanalmente con costanza sarà "What's on my Bedside Table?", ideata da me. Oltre a questa rubrica, pubblicherò almeno un altro post a settimana e quasi sicuramente non di più. Novità arriveranno anche sul fronte "recensioni":  le scriverò e potrete sempre trovarne qui nel mio angolino, ma non per ogni libro che leggerò. Le scriverò solo e soltanto quando l'ispirazione busserà alla mia porta. Attuerò una nuova politica anche per eventi, iniziative e Blog Tour dedicati ai libri di nuova pubblicazione, ossia: zero, nada, nothing di tutto ciò! Questi eventi, prima che chiudessi, erano diventati all'ordine del giorno nella blogsfera e quando una cosa diventa troooppo comune, dove finisce l'originalità e l'esclusività della cosa?! Inoltre sono attività che richiedono grande impegno e tempo da parte sia di chi le organizza, sia  di chi ospita la tappa quindi ho deciso di non volerne più fare (salvo ovviamente si tratti del libro/amore della mia vita ;D ).
In questa mia nuova avventura voglio essere io e non il blog a dettare le regole e a gestire i miei tempi, quindi spero capirete le mie scelte e che passerete di nuovo di qui a trovarmi.



E con questo per oggi ho detto tutto, perciò vi auguro buon fine settimana, miei cari,
un bacione e ci rileggiamo lunedì! *-*
Valy 

venerdì 13 gennaio 2017

"Sparkle from Books" si prende una pausa!

Buongiorno a tutti!
Come iniziare a scrivere questo post?! Per prima cosa direi di partire con gli auguri per l'inizio del nuovo anno. Come avete passato le feste? Spero abbiate tutti trascorso delle belle vacanze, chi in famiglia, chi in giro per il mondo a visitare luoghi bellissimi, chi sotto le coperte con un buon libro o in compagnia di persone care. Per me sono state tutto questo, tranne purtroppo la parte del viaggio, a cui, invece, si sono sostituiti i testi universitari in vista degli esami.
Come seconda cosa voglio chiedervi scusa per la mia sparizione di quest'ultimo mese. Non era previsto, o meglio, negli ultimi tempi mi sono ritrovata più di una volta a valutare i pro e i contro e a prendere in considerazione l'idea di chiudere il blog per un certo periodo, ma non volevo farlo a dicembre e non volevo nemmeno sparire nel nulla senza avvertire. Diciamo che la tecnologia e impegni vari ci hanno messo lo zampino, oltre ad aver velocizzato i tempi. Pochi giorni dopo l'ultimo post il mio pc infatti ha dato i numeri e sono rimasta senza internet e senza il mio fidato computer per un paio di settimane; ho beccato l'influenza, con una febbre da cavalli; mi sono fiondata nello studio e altri impegni hanno assorbito la maggior parte del mio tempo e poi, in un baleno, è arrivato il periodo natalizio con tutto ciò che esso comporta.
Dopo tutto questo tempo passato con il blog vuoto, ormai non sapevo più se scrivere o meno un post di chiusura, ma alla fine ho deciso di farlo perché mi sembrava giusto nei vostri confronti e ritenevo troppo brutto sparire di scena così, senza lasciare traccia e abbandonare tutto e tutti di punto in bianco.
Dunque eccomi qui, nel tentativo di spiegarvi come meglio posso il perché di questa mia decisione davvero sofferta. I motivi che mi hanno portata a mettere per il momento il mio amato angolino in pausa sono diversi e bene o male tutti sullo stesso piano. In primo luogo si tratta di una questione di tempo libero e di priorità. Sono ormai giunta quasi al termine della mia carriera universitaria. Mi mancano solo tre esami prima di iniziare a preparare la tesi della specialistica, tre esamoni grossi grossi, a cui devo dedicare molto tempo ed energie se voglio superarli in pochi mesi. Vorrei anche riprendere in mano la mia amata chitarra, che da quando ho aperto il blog non ho più avuto granché tempo da dedicarle e ho bisogno anche di tornare a fare con costanza un po' di sport. In tutto questo non ho mai abbandonato la lettura e mai lo farò. Amo leggere, mi rilassa e mi permette di viaggiare con la mente e staccare un po' la spina dal tran tran quotidiano, ma scrivere recensioni ultimamente lo sentivo più un peso che un piacere, così come curare le mie varie rubriche. Su questo devo confessare che ha inciso un po' anche un cambiamento di clima che ho percepito nell'ultimo anno nella blogsfera. Non so bene come spiegarmi e, per carità, non prendete a male le mie parole, non sto facendo polemica o accusando qualcuno, ma solo esponendo il mio stato d'animo. La sensazione che ho da alcuni mesi a questa parte è che qualcosa in questo mondo sia cambiato. Non lo sento più un luogo ricco di confronto, passione e originalità, come quando ho iniziato a muovere, anni fa, i miei primi passi come blogger, e prima di allora come semplice follower a caccia di recensioni, nuovi libri e confronti di opinioni su libri che avevo letto anche io. 
Come sapete tenere un blog è una passione, ma richiede anche sacrificio e tempo, tutte cose che ho fatto ben volentieri negli ultimi anni e che, nonostante gli impegni, ho sempre cercato di giostrare nell'arco della giornata, ma quando viene a mancare quel qualcosa che ti fa dire che i tuoi sforzi sono valsi a qualcosa allora è meglio fermarsi un attimo e riflettere
Con tutto questo non voglio dire che chiudo "Sparkle from Books" in via definitiva o che ormai penso che la blogsfera non sia più casa mia o un luogo che mi piace visitare. Dico solo che qualcosa è cambiato e che ho bisogno di dedicare tutte le mie energie in altro, senza sentire obblighi e scadenze, o l'ansia del non riuscire a rispettare in tempo gli impegni presi. Dunque questo non è un addio, ma un arrivederci, a quando però non lo so. Probabilmente a primavera, a quando avrò concluso gli esami, o forse a quando mi sarà tornata, forte e dirompente, la voglia di scrivere articoli per questo mio spazietto nel web, e chissà, forse nel frattempo riuscirò a sentire di nuovo quel clima che anni fa mi ha spinto a scrivere per la prima volta una recensione. 


Per il momento vi ringrazio di avermi accompagnato in questo viaggio fino a qui,
un bacio e un abbraccio grande grande a tutti voi, 
a presto,
la vostra Valy!